lunedì 19 novembre 2012

Aspettando Natale


Cari amici,
manchiamo da un pò. 
Ci siamo lasciati con l'estate alle porte...ed ecco che siamo già a un passo dal Natale. Io e Angela continuiamo a pasticciare e sognare nella nostra cucina dai mille sapori.
Dalla straordinaria collaborazione con la nostra amica chef Eleonora di Arte del Gusto , è nato il Workshow di ricette di Natale, il primo in cui siamo state chiamate a dimostrare praticamente come realizzare dei deliziosi biscotti e delle cupcakes, con decori in pasta di zucchero e a tema natalizio.
Sabato 24 novembre, alle ore 15,30, nella location del Mamà Ristobistrot (Via Sforza Pallavicini 19) verranno presentate e descritte alcune ricette per realizzare dolci, cupcakes e gustosi finger food rigorosamente a tema natalizio. Ogni ricetta verrà spiegata in tutti i particolari e si potrà assistere alla realizzazione delle stesse, in modo che chiunque potrà, poi, prepararla all'interno delle mura domestiche. Se sei alla ricerca di un'idea innovativa, capace di arricchire il tuo menù di Natale e renderlo originale, questa è un'occasione da non perdere. Ti verranno fornite tutte le informazioni per realizzare una tavola di grande effetto e capace di stupire i tuoi ospiti.
Vi ricordiamo che il corso dimostrativo è a numero chiuso ed è necessaria la prenotazione.
Per informazioni - iscrizioni scriveteci pure: info@thinksugar.it


 

mercoledì 23 maggio 2012

23 maggio 1992 - 23 maggio 2012

Vent’anni fa, il 23 maggio 1992, alle 16.58, l’esplosione innescata da oltre mezza tonnellata di tritolo piazzata sotto l’autostrada Palermo-Mazzara del Vallo, all’altezza del piccolo comune di Capaci, provocò un tuono il cui eco continua ancora oggi ad attraversare le memorie di un Paese che da quel giorno non è più lo stesso. Quella voragine di trenta metri, infatti, non uccise soltanto il giudice antimafia Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, e i tre agenti di scorta, Rocco Dicillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro, ma aprì soprattutto uno squarcio nelle coscienze ferite degli italiani, che in quel pomeriggio di primavera impararono a familiarizzare con la spietata strategia del terrore, che sarebbe durata oltre un anno, adottata dalla mafia per colpire al cuore le istituzioni con l’obiettivo di minarne la sovranità.
Il 19 luglio 1992 una bomba uccise anche Paolo Borsellino, lui e gli uomini della sua scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina, in via D’Amelio, a Palermo. Esattamente 57 giorni dopo l’amico e fratello Giovanni Falcone.

"Giovanni Falcone, un eroe solo", è il libro, edito da Rizzoli,  che la mia amica Francesca Barra ha scritto insieme alla sorella del giudice Maria Falcone. Ne ho parlato su lenuovemamme.it

 “Grazie ai ricordi di Maria Falcone, ho cercato di trasmettere alle nuove generazioni che non hanno vissuto i momenti più caldi e drammatici della storia del nostro Paese, il valore dello Stato, della giustizia, attraverso la vita del giudice che tutti ricordano come uno degli ultimi eroi contemporanei. L’ho fatto anche per mio figlio”. 

[Francesca Barra]



Ecco chi sono gli eroi moderni

"Chi tace e piega la testa muore ogni volta che lo fa. 
Chi parla e cammina a testa alta, muore una volta sola".

lunedì 7 maggio 2012

Il Piccolo Principe/2


Il primo post della nostra Jessica è stato un vero successo, così, visti i numerosi impegni (e sì ho tantissimo da raccontare, addirittura non vi ho detto del primo laboratorio di biscotti per bambini, di cui al massimo posso anticipare una foto!), il lavoro casalingo che è sempre super arretrato, il cambio di stagione ancora da fare...ho deciso di cedere ancora il passo. E così nasce il secondo post di Jessica. La ragazza ha talento. Ha gli occhi dolci e una sensibilità rara. 


“Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”.
Stamattina, mentre sistemavo la libreria (per la gioia della mia mamma), mi è caduto in testa un libro (lo dico sempre che spolverare può essere pericoloso, in compenso mi sono imbattuta in un bellissimo libro!), Il Piccolo Principe di Antoine De Saint Exupéry (a cui già Think Sugar aveva dedicato un post)L’ho preso e con grande meraviglia per l’accaduto, ho cominciato a sfogliarlo. Pagina dopo pagina, mi sono soffermata su alcuni pezzi e ho iniziato ad immaginarmi "da grande" di sera, sotto le coperte del lettone, mentre lo leggo ai miei bambini. 
Credo che questa sia una delle più belle letture da condividere con i propri cuccioli. Il Piccolo Principe è stato definito una “sorta di educazione sentimentale”, non a torto, contiene un bellissimo messaggio su quelli che da sempre sono dei grandi valori: l’amicizia e l’amore ad esempio. È la semplicità della forma e delle situazioni a renderlo immediato e i più piccoli apprezzeranno di certo la bella storia che racconta. Arrivo al capitolo XXI, il più emozionante secondo me, il più ricco, quello in cui il Piccolo Principe scopre una verità che inconsapevolmente gli è sempre appartenuta; capisce il valore dell’amicizia. Per la volpe “amicizia” è “essere addomesticata”, per il bambino invece è “prendersi cura della sua rosa”. Il libro non è soltanto per i più piccoli, è anche per i grandi, per ricordar loro di esser stati bambini un tempo. I grandi che spesso, perdendo l’innocenza dell’infanzia, dimenticano le cose importanti e non vedono più col cuore. Indaffarati e presi dal lavoro, dimentichiamo “l’essenziale” e allora, per tornare a gustarci il profumo delle cose vere, vi lascio all’intero capitolo…
In quel momento apparve la volpe.
"Buon giorno”, disse la volpe.
"Buon giorno", rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi: ma non vide nessuno.
"Sono qui", disse la voce, "sotto al melo..."
"Chi sei?" domando' il piccolo principe, "sei molto carino..."
"Sono una volpe", disse la volpe.
"Vieni a giocare con me", le propose il piccolo principe, sono così triste..."
"Non posso giocare con te", disse la volpe, "non sono addomestica".
"Ah! scusa", fece il piccolo principe.
Ma dopo un momento di riflessione soggiunse:
"Che cosa vuol dire <addomesticare>?"
"Non sei di queste parti, tu", disse la volpe, "che cosa cerchi?"
"Cerco gli uomini", disse il piccolo principe.
"Che cosa vuol dire <addomesticare>?"
"Gli uomini" disse la volpe, "hanno dei fucili e cacciano. E' molto noioso! Allevano anche delle galline. E' il loro solo interesse. Tu cerchi delle galline?"
"No", disse il piccolo principe. "Cerco degli amici. Che cosa vuol dire "<addomesticare>?"
"E' una cosa da molto dimenticata. Vuol dire <creare dei legami>..."
"Creare dei legami?"
"Certo", disse la volpe. "Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l'uno dell'altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo".
"Comincio a capire" disse il piccolo principe. "C'è un fiore... credo che mi abbia addomesticato..."
"E' possibile", disse la volpe. "Capita di tutto sulla Terra..."
"Oh! non e' sulla Terra", disse il piccolo principe.
La volpe sembrò perplessa:
"Su un altro pianeta?"
"Si".
"Ci sono dei cacciatori su questo pianeta?" 
"No". 
"Questo mi interessa. E delle galline?" 
"No".

"Non c'è niente di perfetto", sospirò la volpe. Ma la volpe ritornò alla sua idea: 
"La mia vita è monotona. Io do la caccia alle galline, e gli uomini danno la caccia a me. Tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano. E io mi annoio perciò. Ma se tu mi addomestichi, la mia vita sarà illuminata. Conoscerò un rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere sotto terra. Il tuo, mi farà uscire dalla tana, come una musica. E poi, guarda! Vedi, laggiù in fondo, dei campi di grano? Io non mangio il pane e il grano, per me è inutile. I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo è triste! Ma tu hai dei capelli color dell'oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato. Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del vento nel grano..."

La volpe tacque e guardò a lungo il piccolo principe: 
"Per favore... addomesticami", disse.

"Volentieri", disse il piccolo principe, "ma non ho molto tempo, però. Ho da scoprire degli amici, e da conoscere molte cose". 
"Non ci conoscono che le cose che si addomesticano", disse la volpe. "Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico addomesticami!"

"Che cosa bisogna fare?" domandò il piccolo principe.
"Bisogna essere molto pazienti", rispose la volpe. "In principio tu ti sederai un po' lontano da me, così, nell'erba. Io ti guarderò con la coda dell'occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po' più vicino..."
Il piccolo principe ritornò l'indomani.
"Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora", disse la volpe. 
"Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell'ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e ad inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore... Ci vogliono i riti".

"Che cos'e' un rito?" disse il piccolo principe. 
"Anche questa è una cosa da tempo dimenticata", disse la volpe. "E' quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un'ora dalle altre ore. C'è un rito, per esempio, presso i miei cacciatori. Il giovedì ballano con le ragazze del villaggio. Allora il giovedì è un giorno meraviglioso! Io mi spingo sino alla vigna. Se i cacciatori ballassero in un giorno qualsiasi, i giorni si assomiglierebbero tutti, e non avrei mai vacanza".

Così il piccolo principe addomesticò la volpe.
E quando l'ora della partenza fu vicina: 
"Ah!" disse la volpe, "... piangerò". 
"La colpa è tua", disse il piccolo principe, "io, non ti volevo far del male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi..." 
"E' vero", disse la volpe. 
"Ma piangerai!" disse il piccolo principe. 
"E' certo", disse la volpe. 
"Ma allora che ci guadagni?"

"Ci guadagno", disse la volpe, "il colore del grano". 
Poi soggiunse: 
"Va' a rivedere le rose. Capirai che la tua è unica al mondo. Quando ritornerai a dirmi addio, ti regalerò un segreto".

Il piccolo principe se ne andò a rivedere le rose.
"Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente", disse. "Nessuno vi ha addomesticato, e voi non avete addomesticato nessuno. Voi siete come era la mia volpe. Non era che una volpe uguale a centomila altre. Ma ne ho fatto il mio amico ed ora è per me unica al mondo". 
E le rose erano a disagio.

"Voi siete belle, ma siete vuote", disse ancora. "Non si può morire per voi. Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, perché è lei che ho innaffiata. Perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro. Perché è lei che ho riparata col paravento. Perché su di lei ho uccisi i bruchi (salvo i due o tre per le farfalle). Perché è lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere. Perché è la mia rosa".
E ritornò dalla volpe.
"Addio", disse.
"Addio", disse la volpe. "Ecco il mio segreto. E' molto semplice: non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi". 
"L'essenziale e' invisibile agli occhi", ripeté il piccolo principe, per ricordarselo.

"E' il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante". 
"E' il tempo che ho perduto per la mia rosa..." sussurrò il piccolo principe per ricordarselo.

"Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non la devi dimenticare. Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa..." 
"Io sono responsabile della mia rosa..." ripeté il piccolo principe per ricordarselo.



(Le foto che vedete in questo post sono state prese da Facebook. La Boutique du Petit Prince)




venerdì 27 aprile 2012

Care mamme, occhio ai social network


Oggi ospitiamo sul nostro blog Jessica. Mi auguro che questo sia il primo di una serie di spunti della nostra amichetta. 
Volete sapere chi è!? Ecco ve lo racconta direttamente lei!!! "Dovrei dirvi di me… dunque, vediamo… Mi chiamo Jessica e ho poco più di vent’anni. Amo leggere, l’odore della carta e le biblioteche mi fanno letteralmente impazzire di gioia. Mi piace scrivere ed è per questo che ho intrapreso un cammino universitario che spero (come dico sempre) mi dia la possibilità di trasformare la passione in lavoro! Sono una persona apparentemente tranquilla, determinata e anche testarda con molti ma molti altri difetti (quelli però evitiamoli). Sono felice della possibilità che mi ha dato Alessia di far parte del vostro mondo, anche se ne so davvero poco di calci di rigore e di cosa significhi essere mamma. Diciamo che compenso con i cupcakes; nel mangiarli si che sono una campionessa!". 
E noi THINK SUGAR possiamo confermare, visto che più di una volta Jessica si è trovata con le mani in pasta insieme a noi!!!!


Care mamme (e non) del blog Think Sugar, un argomento che mi sta molto a cuore e spero stia a cuore a moltissime di voi è l’evoluzione della comunicazione dovuta all’avvento dei social network.
Immagino (e sono sicurissima di ciò) che le vostre piccole pesti (si fa per scherzare… o forse sono davvero delle pesti?) siano il dono più bello che la vita possa avervi fatto e in quanto tale la vostra più grande preoccupazione è che crescano nel migliore dei modi. I vostri pargoletti, sono nati e/o nasceranno in un’epoca in cui Facebook e Twitter (o altri social network) hanno totalmente rivoluzionato non solo il modo di comunicare ma soprattutto stanno influenzando l’impostazione dei rapporti sociali. Se tutto ciò per ora è un problema che sentite lontano, tra qualche anno (diciamo dopo le scuole elementari) sicuramente sarà la causa principale dei vostri molteplici litigi genitori- figli. I tempi sono spaventosamente cambiati e a volte sconcerta quanto l’adolescenza dei ragazzi d’oggi sia così diversa dalla vostra o più semplicemente dalla mia adolescenza. Partiamo ad esempio dal tempo libero: se avevate qualche ora di svago dopo aver svolto rigorosamente i compiti a casa, giocavate a campana, con le bambole, rinchiudevate magari le mosche nei barattoli vuoti della marmellata della nonna o leggevate un libro. Oggi il tempo libero si passa su Facebook ed ecco perché cambiano i rapporti umani; c è meno contatto fisico e di conseguenza meno “paura” dell’altro perché a separare le “conversazioni virtuali” ci si ritrova davanti uno schermo. Meno inibizioni dunque, spesso meno pudore e ancor più frequenti sono gli attentati alla lingua italiana. Per far prima si scrive abbreviando le parole o (cosa più grave) quando vengono a  mancare le basi, nascono delle frasi abominevolmente sgrammaticate. Il motivo è semplice: il troppo tempo che si passa su Facebook lo si toglie allo studio e si arriva alla sera alienati dall’uso-abuso di Internet; che non è solo Facebook o Twitter ma può offrire molto di più. A questo proposito vorrei riferirvi di un’indagine dagli esiti sconcertanti: 1 ragazzo su 5 è semi-analfabeta! E la colpa è anche e soprattutto dell’eccessivo e sbagliato utilizzo dei social network. Noi che abbiamo partorito menti geniali come Catullo, Dante Alighieri, Giacomo Leopardi (tanto per citarne qualcuno)… siamo a “rischio ignoranza”? Noi che vantiamo un patrimonio culturale e artistico inestimabile, sprechiamo ore preziosissime su Facebook? C’è qualcosa che non va e allora come diceva Gandhi: “dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere”. L’avvento di Internet e dei social network ha sicuramente portato dei benefici nel campo delle comunicazioni e dell’informazione; accorciando i tempi, rendendo la diffusione delle notizie più immediata e offrendoci da casa e da ogni parte del mondo un’ottima interazione con le persone. D’altro canto ha deteriorato molti aspetti della vita quotidiana. Un breve e sommario excursus questo, per dare voce ad un tema che è più attuale e vicino a noi tutti di quello che sembra. Internet offre indubbiamente occasioni di crescita personale e culturale ma è bene sottolineare l’aspetto “giungla” di Internet, che deve obbligarci a prendere le giuste misure e distanze! 

mercoledì 25 aprile 2012

Muffin per genitori precari, ma anche no

"Sono perplessa, resta attonita, scuoto la testa e mi chiedo perchè. Perchè è dovuto succedere proprio a me. Perchè non mi si sono gonfiati i muffun nel forno?! Alessia Acanfora della Think sugar aiutami te!"
Così scriveva il 20 aprile sul mio profilo facebook MANUELA CAMPITELLI. E visto che io Angela e Paola siamo "accorse in suo soccorso" con consigli e suggerimenti, abbiamo pensato a questo post. Per far sì che i muffin di Manuela (ma anche i vostri) siano sempre belli grandi e gonfi! Ma andiamo per ordine. Chi è Manuela? 
E' una mamma giornalista (e in questo siamo molto molto simili), autrice di www.genitoriprecari.it e blogger de Il Fatto Quotidiano. "Ho aperto www.genitoriprecari.it - mi racconta Manu -, il giorno in cui mio figlio ha compiuto un anno, il 12 novembre del 2011, ma l’idea era in ballo già da un po’ e precisamente dal momento in cui sono rimasta incinta. Allora, dopo cinque anni di lavoro continuativo come giornalista (senza considerare gli altri 10 passati nelle redazioni di mezzo mondo), il mio contratto stava per scadere. E quando mio figlio è nato un lavoro non ce l’avevo più. Dopo essermi laureata e aver collezionato una lunga serie di contratti, mi ritrovavo a essere una mamma precaria, nel lavoro e quindi, un po’, anche nella vita. E’ nata così l’esigenza di creare una rete di sostegno e mutuo soccorso tra le mamme precarie ma anche di condividere storie e parlare con ironia e onestà di come essere genitori oggi, sempre in bilico tra pappe, pannolini e contratti atipici, cercando di far convivere due concetti antitetici: quello di maternità e quello di precarietà. La mia storia, infatti, è simile a quella di tante mamme che mi scrivono ogni giorno. Questo blog vuole parlare di me ma anche di tutte le donne come me, e vuole anche dire loro che non sono sole, tutt’altro. Sono in tante e sembrano dire al mondo “eccoci, siamo precarie ma facciamo mille cose, guardate cosa vi perdete”.


Dopo questa doverosa presentazione vi racconto cosa ha combinato Manuela (e lo racconta anche lei sul suo blog, quindi beccatevi pure la sua versione!)
 "Ragazze, guardo il mio forno dove si è appena consumata la strage di 12 sedicenti muffin - scriveva su Facebook dopo il nostro pronto sos -. La sconfitta più grande... sob, sob! Vi giuro che ho seguito diligentemente tutte le istruzioni... ehm, vabbè, Invece di mettere mezza bustina di lievito come da ricetta ne ho messa una intera... tanto per essererne certa, poi ho aggiunto la farina, ma invece di utilizzare quella bianca (com'è che si chiama? 00...??) l'ho mischiata con un rimarusuglio di una farina al cioccolato con lievito aggiunto... nà schifezza, ma orma c'era! Poi, prima di infornare, altra variante, ho cosparso le tortine con quella specie di granella colorata, che però si è sciolta tutta ed è rimasto solo lo zucchero...nò schifo pure quello. Il forno l'ho aperto... diciamo un paio di volte, ma il disastro si era già consumato... la temperatura, beh, anche quella l'ho regolata altre 4/5 volte... ah, dimenticavo, l'impasto l'ho frullato col minipimer, chessò, dicono sempre niente grumi. E poi sapevo che con il frullatore le cose monatano bene... o con le fruste? non ricordo ;) Niente. E ora cosa mangerà mio figlioooo, miooo figlioooo?? ah, sì, i muffin della pasticceria che ho in dispensa".
Capitoooooooooooooo! Lei pensava di fare i muffin con il Minipimer! 
E poi cara Manuela chiedi a noi dove hai sbagliato!? Ahahahahah! Forse, dovevi prima chiederci la ricetta!!! E la spiegazione del procedimento!
Visto che c'è anche un'altra mia cara amica, assidua lettrice del nostro blog, che ha problemi di lievitazione (e non solo) ecco a voi la dose per 
12 cupcakes delle THINKSUGAR
Ingredienti:
115 gr burro morbido
130 gr zucchero semolato
3 uova
vaniglia
buccia di un limone (facoltativo)
210 gr farina 00
1 cucchiaino e 1/2 di lievito
un pizzico di sale
60 ml latte

Procedimento

Battere il burro a crema con uno sbattitore a fruste (e non con un minipimer!!!) finchè sarà soffice. Ora aggiungere le uova una alla volta amalgamandole con una spatola di legno finchè saranno ben assorbite, unire l'aroma alla vaniglia (se non si ha si può usare vanillina). In una ciotola a parte setacciare farina, lievito e sale e aggiungere al composto di uova e burro alternando con il latte. Amalgamare per bene il composto sempre con una spatola e porre con un mestolo o con una sac à poche nei pirottini fino a riempirli per 3/4...infornare in forno caldo a 180° per 20 minuti.
Noi di solito aggiungiamo gocce di cioccolato per renderli più appetitosi per i nostri cuccioli (quando li facciamo stile Muffin per intenderci), il segreto però è tenere le gocce di cioccolato in freezer chiuse in un barattolo di vetro almeno una mezz'ora prima di unirle all'impasto, in questo modo eviterete che si depositino tutte sul fondo durante la cottura o altrimenti potete infarinarle....

Ecco una carrellata di nostri cupcakes. Però prima volevo fare una piccola ma importante precisazione: nel titolo del post ho scritto Muffin (perchè quelli intendeva fare Manuela) anche se poi vi abbiamo dato la nostra ricetta per i cupcakes. I cupcakes sono fatti per essere decorati, quindi devono rimanere piatti in superficie. Per questo necessitano di essere lavorati con lo sbattitore più a lungo dei muffin. La consistenza è quella di una tortina morbida. Il muffin invece deve gonfiarsi e fare la tipica calottina tonda, quindi rimane spugnoso perchè lievita molto. Il primo è fatto soprattutto per essere aromatizzato o colorato con del cacao, il muffin invece è fatto per essere arricchito con ingredienti a pezzetti. Ecco, noi adoriamo i cupcakes perchè per noi non esiste dolce senza decorazione però vi linkiamo l'ottima ricetta di giallozafferano per realizzare dei perfetti (e gonfissimi) Muffin. 





lunedì 23 aprile 2012

23 aprile duemiladodici

Giusto un piccolo appunto prima di andare a dormire. E' stata una bellissima giornata. Ora ho le gambe che mi tremano dalla stanchezza ma sono anche molto soddisfatta perchè ho reso speciale il giorno del tuo quinto compleanno. 

venerdì 20 aprile 2012

Live in the moment

"Stay focused, do your best, live in the moment". L'ho trovata una frase bellissima. E' un motto di Stella McCartney, figlia del Beatle Paul e affermata designer di moda. Non è di questo che volevo parlarvi. Ma oggi, mentre leggevo questa frase, mi trovavo in una stanzetta piccola. Una mansarda. E questo era il cielo. Pioveva, poi schiariva, poi usciva il sole e poi ricominciava a piovere.
 In questa stanza, in attesa che "zia ChiaLa" finisse la sua terapia con Andrea io e Beatrice avremmo dovuto fare il riposino pomeridiano. Eravamo sdraiate su un materassino col naso all'insù a guardare il cielo che cambiava continuamente colore e le nuvole. "Bea no ninne!", ha detto. Giusto. Eravamo lì, sole, senza distrazioni. Perchè sprecare quel tempo prezioso per dormire, "live in the moment". E così ho acceso il cd. Una bellissima musica stile Buddha Bar ci accompagnava, senza disturbare le nostre risate. Abbiamo letto un libro (perchè io ho sempre un libro scorta in borsa!), abbiamo contato e poi abbiamo aperto Sette, magazine del Corriere della Sera. A pag. 73 del numero 16 [19 aprile 2012] c'è l'articolo della mia AMICA Francesca Barra. Mentre io leggevo sdraiata e lei faceva finta di cavalcare il suo cavalluccio, incuriosita ha detto: "Cos'è!?". Vieni piccolina, che ti faccio vedere quanto sono fiera di questa cosa che sto leggendo. E ho preso a raccontare quello che stavo imparando e ricordando su Giovanni Falcone, Un eroe solo, come il titolo del libro, edito da Rizzoli, che Francesca ha scritto con la sorella del giudice ucciso dalla Mafia, il 23 maggio del 1992, vent'anni fa. E intanto scherzavamo, lei correva. Senza prestare attenzione alla mia storia.

Poi si è seduta. Ha preso il magazine e io l'ho esortata a indicare l'autrice. 
Resta ferma che ti faccio una foto, che zia impazzirà! 
E' stato divertente stare con lei senza avere distrazioni, a volte mi rendo conto che difficilmente abbiamo del tempo speciale da dedicare agli altri. E quella felicità che traspariva anche dagli occhi mi ha riempito il cuore. Ci siamo date mille baci, abbiamo fatto l'aereoplano, ci siamo succhiate il dito, abbiamo fatto finta di dormire abbracciate, mangiato caramelle gommose. Ecco.
Questa foto l'ho fatta per fermare, bloccare quell'istante di gioia assoluta. 


mercoledì 18 aprile 2012

Ciao Nonno

Ieri è morto mio nonno. Aveva 86 anni e parecchi acciacchi. 
Ho visto mio padre piangere e ho capito che non esiste un'età in cui non si soffre quando un genitore viene a mancare. Oggi c'è stato il funerale. C'era tanta gente: parenti, amici e conoscenti del quartiere. A sorprendermi è stato l'affetto della gente di Viale Marconi dove i miei nonni abitavano da una vita. Da quando avevano lasciato Scafati (Sa) ancora giovani e con due figli piccoli. Nonna e nonno parlavano in dialetto napoletano e una parola in romano non gliel'ho mai sentita dire. Mio nonno somigliava moltissimo a Caccamo, il fortunato personaggio interpretato da Teo Teocoli. Noi lo chiamavamo così. 
Io l'ho salutato a modo mio, leggendo qualche riga durante messa per ricordarlo.


"Ecco, vedo il mare.
C'è una canna da pesca e una donna che ti guarda
Chissà se pescherai oggi
oppure se la salsedine ti spettinerà i capelli
Ti vedo di nuovo.
Hai le forbici in mano
e il piglio integralista dell'uomo del sud
Ora sei giovane, come nella foto che ci mostrava fiera nonna
sei bello e hai la vita davanti
E' una vita dura, piena di sacrifici
e tu sei un uomo onesto
Ami a modo tuo
e i tuoi figli non sempre capiscono
Sei un uomo d'altri tempi nonno
cocciuto, testardo, introverso
Ridi e parli poco
Ma ci hai amato alla tua maniera
e questo oggi è il nostro saluto:
un infinito abbraccio d'amore
Chiudo gli occhi e immagino il tuo viaggio: 
librati in alto dove sarai per sempre libero
e vicino a tutti noi".


E sono felice di aver portato al funerale mio figlio. Lunedi farà 5 anni. La sua maestra oggi mi ha detto: "E' un bambino in gamba, lo chieda direttamente a lui se ha voglia di venire". E così ho fatto. E sono certa di aver fatto la scelta giusta. Ha visto la bara, qualche lacrima ma anche tanti abbracci e tante persone che si sono riunite per accompagnare mio nonno in questa ultima parte di vita prima che ne inizi una nuova, forse anche migliore. Dopo la cerimonia ci siamo riuniti a casa di nonna. E io porterò nel cuore, nonostante la giornata triste, i tanti sorrisi, i ricordi e gli aneddoti su mio nonno. A un certo punto mio zio ha tirato fuori la lasagna e i carciofi e allora anche mio nonna si è unita al banchetto e i cuginetti rumoreggiavano festanti e ignari del vero significato di quella insolita reunion infrasettimanale. Insomma quello di oggi è stato un funerale napoletano-americano. E credo che mio nonno da lassù sia stato felice di vederci così. 

martedì 17 aprile 2012

Le t-shirt personalizzate di Laura&Filippo


Ecco un lavoretto carino, divertente e utile per passare un pomeriggio alternativo con le nostre piccole pesti. L'idea è della mia amica LAURA, giornalista sportiva e mamma di due maschietti. Quando ha pubblicato questa foto su facebook le ho immediatamente chiesto di trasformare il suo pomeriggio di lavoro con Filippo in un post a uso e consumo di tutte le mamme. Detto - fatto. Seguendo queste semplici istruzioni e con un pò di pratica (e un pizzico di astuzia) per le meno portate per il disegno a mano libera, potrete realizzare delle simpatiche t-shirt con i personaggi preferiti (e che cambiano ogni 3-4 mesi) dei nostri bambini. Ecco come fare! Buon divertimento!
Disegnare sulle magliette, è più semplice di quanto possa sembrare. Prima di tutto scelgo il disegno, prendendolo da internet - se ne trovano di tutti i tipi - o dagli album per disegnare dei bambini. L'importante è prendere le misure e fare in modo che l'immagine occupi lo spazio giusto. Una volta trovato il disegno io lo riporto (copiandolo oppure se le proporzioni sono giuste potete ricalcarlo), su un foglio bianco, un A4 o su carta velina che si infila bene sotto alle magliette. A quel punto lo ripasso con un pennarello nero perché si vede meglio attraverso la stoffa. Il primo disegno infatti lo faccio a mano, ma per riportare l'immagine sulla maglietta - lo confesso - la ricalco, mi sento più sicura! E io mi aiuto con una lavagnetta luminosa, di quelle che si trovano nei giochi educativi dei bambini  di solito di scuola di scrittura. 
E' importante lasciare sempre il foglio di carta nella maglietta finché si disegna perché il colore passa da uno strato all'altro. Per i colori ci sono due possibilità, i pennarelli (facili da usare per i bambini se vogliono partecipare al lavoretto), e si trovano facilmente nelle cartolerie e le tinture, con il pennello che naturalmente danno una resa migliore alla vista. Una volta asciugati i colori basta passare sul disegno con il ferro da stiro e resisteranno anche in lavatrice a 50 gradi ( poi dipende dalla marca dei pennarelli, alcuni dicono anche a 60 ma io ho preferito limitarmi a sfidare i 50).

Un consiglio, una volta ripassato il disegno con il pennarello nero aspettate un po' prima di colorarlo, altrimenti rischiate di far sbafare il nero sull'altro colore. E per ora ho provato solo magliette bianche, non so che resa abbiano i colori sulle tinte, anche perché non è proprio facile trovare delle Fruit colorate per bambini.

LE NUOVE MAMME

Presa come sempre da mille impegni ho dimenticato di segnalare una cosa per me molto importante. Think Sugar, la mia piccola creatura, non è solo mamma e non fa solo torte. Nella mia vita ci sono sempre tanti calci di rigore da tirare e da mettere a segno. Ecco perchè ho accettato questa nuova piccola sfida. Dal sei aprile duemiladodici faccio parte anche io del gruppo de LE NUOVE MAMME

Ho esordito con il calcio a5, mia grande passione. E diciamo che sono stata chiamata in causa da quelle due grandissime donne-mamme di Monica Volta e Chiara Petragnani per la rubrica sportiva. Scrivere e raccontare lo sport, il calcio in particolare, era quello di cui mi occupavo prima di avere Francesco Mattia. Da cinque anni a questa parte, invece, racconto storie che hanno poco a che fare col pallone. Forse è ora di far tornare viva la mia grande passione per lo sport. Questo che trovate qui di seguito è il link alla prima intervista che ho realizzato a Giorgio Regni, allenatore di calcioa5 femminile. 


"A me il calcio piace. Entusiasma. Il calcio fa parte della mia vita. Lo sento scorrere nelle mie vene. Io mi esalto tanto per una partita di serie A, quanto per una partitella in un prato la domenica pomeriggio fra bambini. Amo il calcio da quando sono piccola, un amore che mi ha trasmesso mio nonno. E al calcio sono legati  alcuni fra i ricordi più belli. I miei genitori hanno provato a reindirizzarmi su altri sport: ho fatto nuoto, ginnastica artistica, danza moderna e pallavolo. Solo a 14 anni ho potuto coronare il mio sogno entrando a far parte di una squadra di Futsal, meglio conosciuto in Italia come calcio a 5. continua a leggere..."

mercoledì 11 aprile 2012

La sindrome dietro al cromosoma Y


Quando ti nasce un figlio le dinamiche di coppia variano in modo inaspettato.
La curva dell’amore, o della tensione, a seconda se con il vostro partner siate affiatati o meno, assume connotati che con difficoltà si riusciva a capire alle  superiori.
Sinusoide (alti e bassi, giorni si e giorni no, baci e litigate), Iperbole (sono tutti fatti tuoi!), Tangente (caro mio tua moglie sta per diventare la segretaria personale del suo capo!).
C’è una cosa però che non cambia neanche con l’arrivo di un plotone di bambini. La frase di messa in attesa che un uomo dice alla propria moglie o compagnia:
“5 minuti e poi lo faccio!”
Questo credo che crei nella consorte una sorta di terremoto ormonale che modifica in maniera moooolto percettibile il corpo della stessa, trasformando una serata serena in una serata in cui la moglie dice di avere mal di testa.
“5 minuti e poi lo faccio!”, care signore, è il nostro gagliardetto, il nostro status symbol , la nostra loggia segreta.
“5 minuti e poi lo faccio!”, care signore, vuol dire posticipare possibilmente a mai la cosa da fare.
“5 minuti e poi lo faccio!”, care signore,  vuol dire avere ancora un attimo di riposo sul divano.
E diciamocela tutta. Questi cinque minuti sono per noi vitali come l’aria.
Ma non è colpa nostra. Siamo malati.
E’ colpa del cromosoma Y.

Dietro a questo cromosoma credo che si nasconda la sindrome della Pimpa (gli ultimi studi dicono che il 99% dei casi  conclamati di Sindrome PImpesca colpisce  il sesso maschile!)
Si avete capito bene, ho detto Pimpa.
La Pimpa, quel cane  bianco con le macchie rosse.  
La Pimpa, quel cane che parla con tutti gli animali e gli oggetti tipo San Francesco.
Il mammifero pezzato ha tanti pregi, ma una grande malattia. Ama profondamente il divano. Starebbe tutto il giorno sul divano a non far nulla, non fosse per l’Armando (il padrone n.d.r.) che la sprona.
E noi uomini abbiamo la stessa malattia.
E come malati ci trasciniamo da un divano all’altro con plaid e calze felpate. Budino in  una mano e bibita gassata dall’altro. Schiacciando nervosamente tutti i tasti possibili sul telecomando alla ricerca di canali molto improbabili (molto spesso regionali) che parlino dell’unico argomento scacciafiga: il calcio! No, non ci interessano le immagini dei gol, a noi interessa la polemica, la moviola, le parolacce tra i vari commentatori, gli sfottò!
Abbiamo un unico rimedio ai vostri attacchi: rimandiamo 5 minuti più tardi il cambio di stagione, o l’ordine della guardaroba, il cambio di lenzuola o anche solo il viaggio atlantico in cantina alla ricerca di una bottiglia d’olio.
Amateci così, come si ama un ammalato, una persona in difficoltà, e noi sapremo ricompensarvi con molti baci dopo solo cinque minuti!

COME AVRETE BEN CAPITO, QUESTO POST NON L'HO SCRITTO IO! PER LA PRIMA VOLTA HO OSPITATO UN MASCHIETTO IN QUESTO BLOG DI DONNE E MAMME. 
Tatoski, alias Roberto, è l'autore di un blog che mi piace molto: "Padri parzialmente scremati. Diario semi-serio di un padre alle prese con figlio, moglie, passeggino e lo strano mondo che li circonda". 
Ecco questo è il suo strambo autoritratto! 


sabato 7 aprile 2012

#Pastiera 2, La Pastiera della trattoria Morgana

Dopo la ricetta classica di una napoletana doc, la mia amica Caterina, eccovi un altro post dedicato al dolce pasquale per eccellenza: la Pastiera.


"La pastiera della Trattoria Morgana, che sforniamo solo in occasione della Pasqua, è un pochino più bassa rispetto a della tradizionale Napoletana: questo permette che venga assaggiata anche dopo un pranzo a base di pajata, capretto al forno e coratella ai carciofi.

Con un chilogrammo e mezzo circa di ricotta (esclusivamente di pecora) sforniamo 6 pastiere.
Stendiamo la nostra pasta frolla direttamente nei vassoi di alluminio ed inforniamo per cuocere a metà cottura (circa 10 minuti a 250 gradi).
Prepariamo un impasto con la ricotta, 12 uova intere, 4 barattoli di grano cotto, mezza boccetta di acqua di rose e 400 grammi di zucchero circa (ma noi mettiamo sempre il dito...ops il cucchiaio  per saggiarne la corretta dolcezza) infine 2 scatoline di frutta mista candita e 2 di solo cedro candito.
Farciamo le nostre basi e le ricopriamo con strisce di frolla ad incrociare, rimettiamo in forno a completare la cottura per altri 20 minuti.
Quando sono belle dorate le mettiamo su un tavolo del ristorante per profumare tutto il locale mentre si raffreddano!" [Daniele Bonfrisco della Trattoria Morgana]



Ringrazio per questo post la TRATTORIA MORGANA, Via Mecenate 19/21, Roma
per info e prenotazioni: 06/4873122

giovedì 5 aprile 2012

La pastiera di donna Caterina, napoletana a Londra


Uno dei simboli della tradizione napoletana pasquale e’ la famosissima “Pastiera”. Da quando ero piccina ho ascoltato tante leggende sulla pastiera e ne sono rimasta affascinata. 
La più antica risale al mito della sirena Partenope. Si narra che la Dea apparve nell'incantevole golfo di Napoli una primavera per allietare i cittadini con le sue melodie. Alcuni abitanti stregati dal canto della sirena giunsero presso di lei con sette doni offerti. In qualità di ringraziamento per le soavi melodie intonate: la farina e la ricotta, Simbolo della campagna e della fecondità del luogo; le uova, Simbolo della vita che si rinnova; il grano bollito nel latte e l'acqua di fiori d'arancio; simbolo della natura rigogliosa; lo zucchero, Simbolo della dolcezza; le spezie, omaggio silente di popoli lontani. Quindi la sirena, felice per i doni ricevuti, li mostrò agli dei i quali li mescolarono sapientemente con la loro arte dando vita alla ormai celebre pastiera.

La seconda leggenda narra che una notte le mogli dei pescatori lasciarono sulla spiaggia delle ceste con ricotta, frutta candita, grano, uova e fiori d'arancio come offerta per il mare,affinché questo lasciasse tornare i loro mariti sani e salvi. Al mattino ritornate in spiaggia per accogliere i loro uomini notarono che durante la notte le onde avevano mischiato gli ingredienti e che nelle loro ceste c'era una torta : la pastiera.



A prescindere dalle leggende vi possono assicurare che e’ un dolce delizioso. Ognuno prepara la pastiera nel modo che preferisce perche’ il dolce si presta a diverse varianti, ma ha due ricette "base": il metodo tradizionale, che prevede la semplice unione di ricotta e uova, e il metodo, decisamente più innovativo ed originale, che prevede l'aggiunta di crema pasticciera.
Non posso negare che io appartengo alla scuola di pensiero secondo cui ogni ricetta non va seguita alla lettera ma personalizzata secondo il proprio estro e i propri gusti.
E così per questa Pasqua e per la mia amica Alessia voglio condividere la ricetta che seguo da sempre:
500 grammi di pasta frolla (surgelata o fatta in casa: io preferisco farla)
Per il ripieno:
gr. 500 di ricotta
gr. 500 di grano cotto,
gr. 500 di zucchero
gr.30 di arancia candita
gr. 500 di latte
gr 100 di cioccolato fondente
1 limone
una noce di burro per cuocere il grano
10 uova intere
una bustina di vaniglia
una fiale di acqua di millefiori
un pizzico di cannella (facoltativo)


Preparazione:
Preparate la pasta frolla e fatela riposare
Per il ripieno: versate in una casseruola il grano cotto, il latte, il burro e la scorza grattugiata di 1 limone; lasciate cuocere per circa 10 minuti mescolando spesso finchè diventi crema. In una ciotola grande frullate la ricotta con metà dello zucchero ed in un'altra ciotola montate i tuorli d'uova con l'altra metà dello zucchero. In una ulteriore ciotola montate gli albumi a neve. Inserire il tutto nella ciotola della ricotta aggiungendo pezzetti di cioccolato fondente mescolando dal basso verso l'altro per evitare i smontare gli albumi. Unire poi il grano e tutti gli aromi. Prendete la pasta frolla distendete l'impasto allo spessore di circa 1/2 cm con il mattarello e rivestite la teglia (c.a. 30 cm. di diametro) precedentemente imburrata; ritagliate la parte eccedente, ristendetela e ricavatene delle strisce. Versate il composto nella teglia, livellatelo e decorate con strisce di pasta frolla formando una grata.
Infornate a 170 gradi per un'ora e mezzo circa finch'è la pastiera non avrà preso un colore ambrato; lasciate raffreddare e, prima di servire, spolverizzate con zucchero a velo a piacere . Vi consiglio di gustarla con un bicchierino di Marsala, anche secco, o un Passito di Pantelleria e...buon appetito!!!!

Legata alla Pastiera voglio regalarvi anche questa bella poesia della mia terra. 


A Napule regnava Ferdinando
Ca passava e' jurnate zompettiando;
Mentr' invece a' mugliera, 'Onna Teresa, 
Steva sempre arraggiata. A 'faccia appesa
O' musso luongo, nun rereva maje, 
Comm'avess passate tanta guaje.
Nù bellu juorno Amelia, a' cammeriera
Le dicette:<<Maestà, chest' è a' Pastiera.
Piace e' femmene, all'uommene e è'creature:
Uova, ricotta, grano, e acqua re ciure,
'Mpastata insieme o' zucchero e a' farina
A puo purta nnanz o'Re : e pur' a Regina>>
Maria Teresa facett a faccia brutta:
Mastecanno, riceva :<< E' o'Paraviso!>>
E le scappava pure o' pizz'a riso.
Allora o' Re ricette: << E che marina!
Pe fa ridere a tte, ce vò a Pastiera?
Moglie mia, vien'acca, damme n'abbraccio!
Chistu dolce te piace? E mò c'o saccio
Ordino al cuoco che, a partir d'adesso,
Sta Pastiera la faccia un pò più spesso.
Nun solo a Pasca, che altrimenti è un danno;
pe te fà ridere a te adda passà n'at anno>>.



Ringrazio Caterina per avermi regalato questo post, nonostante i mille impegni.
Salutami Londra, città che amo e che ti ha accolto insieme al tuo straordinario marito Sergio. (L'immagine della pastiera è gentilmente tratta da www.pastiera.it)

venerdì 23 marzo 2012

Una festa speciale. Ecco come fare


La mia Principessa ha compiuto due anni. E le Think Sugar le hanno organizzato una bella festa. Tanti amici, tanti bambini festosi, musica, una casa piena di palloncini, una tavola imbandita da tanti dolcetti e una bellissima torta con i suoi personaggi preferiti, i Barbapapà. Per organizzare un party perfetto ecco a voi i 10 consigli d’oro. Sono i consigli che ho letto su questo sito inglese (grazie a Wonder di Macheddavero per avermelo fatto scoprire e grazie alla mia amica Linda per la perfetta traduzione dall'inglese).


1. Scegliete un’agenzia di animatori che goda di una buona reputazione e ingaggiate un ottimo animatore per bambini. Eliminerà ogni stress e vi permetterà di godervi la festa

2. Non preparate troppe cose da mangiare. Il cibo è l’aspetto meno importante della festa. Qualche panino, dei rustici, dei salatini e della frutta e i bambini saranno felici!

     Su questo punto lasciatemi dissentire. Ho avuto 50 e più invitati fra grandi e piccoli e abbiamo preparato personalmente 50 bottoncini (piccoli panini al latte) farciti con prosciutto cotto/crudo e formaggio, 30 cornettini salati, 60 pizzette bianche/rosse, patatine, pop corn. Ho evitato tramezzini e rustici perchè abbiamo deciso di dare ampio spazio al dolce. Cup cakes, Chiffon Cake, Ciambellone, Cake Pops e biscotti-Lollipops. Delizia per il palato. Poi, durante la festa sono arrivate tre pale di pizza calda, bianca, rossa, crostino e con la mozzarella. Abbiamo concluso in bellezza con una bellissima torta decorata in pasta di zucchero. E per la prima volta abbiamo osato una doppia torta tutta su un piano. Un classico pan di spagna farcito con crema e fragole e una red velvet farcita con frosting al philadelphia. Tutto quello che abbiamo preparato E' FINITO. Abbiamo mangiato tutto!!! Quindi non preparate troppe cose ma non siate avari! 


CAKE POPS, I BARBAPAPA' DURANTE LA LAVORAZIONE E I BISCOTTI DECORATI PER LA PRINCIPESSA
 3.  Assicuratevi di avere preparato delle buste-regalo o comprate qualcosa per ognuno dei piccoli ospiti. Un bel regalo è senza dubbio un’idea migliore di una busta piena di giocattoli di plastica che verrà dimenticata in un batter d’occhio.

4. Organizzate la vostra festa il prima possibile, i migliori animatori potrebbero non essere disponibili!
     Io mi sono affidata alla Kids Animazione, ideata e gestita dal fratello della mia migliore amica. Sono rimasta molto molto soddisfatta. Mio figlio (quello più grande), infatti, si è divertito così tanto che mi ha chiesto di festeggiare a casa...ma solo con i suoi amici. "Mamma voglio solo bambini. Niente grandi alla mia festa, perchè levate spazio per giocare!". Come dargli torto del resto. 

5. Non scegliete il tema della festa su quello che credete possa piacere ai vostri invitati, ma fatelo sulla base di quello che piace al festeggiato. Dopo tutto è il suo giorno speciale. 
Torta Barbapapà, i tuoi personaggi preferiti :)
6. Spedite gli inviti con almeno tre settimane di anticipo. Se vostro figlio va a scuola assicuratevi che la sua festa non coincida con quella di un altro bambino. Vale senz'altro la pena pianificare con largo anticipo.
     
7.  Assicuratevi che i genitori non siano troppo presenti durante la festa. Potrebbe essere motivo di distrazione per il vostro animatore e per i bambini. Potreste servire del caffè in un'altra stanza. Se i bambini hanno piú di 5 anni, potreste anche suggerire ai genitori di accompagnarli e poi andare via.
     Ed è proprio quello che mi ha suggerito mio figlio (vedi punto 4!)


 8. I fratelli e le sorelle dei vostri invitati potrebbero essere causa di stress per la mamma del festeggiato/a. I locali e gli animatori spesso ammettono solo un numero limitato di bambini e ospiti non espressamente invitati potrebbero rendere la festa stressante e caotica. Ricordatevi che l'invito potrebbe essere per uno solo dei vostri figli e non date per scontato che anche fratelli o sorelle siano invitati.


 9. Coinvolgete vostro figlio/a in ogni decisione riguardo alla festa, in questo modo sapranno cosa aspettarsi e chi parteciperà.
   
 10. L'attesa potrebbe essere difficile da gestire ed è bene ricordare che l'orario della festa dovrebbe essere consono all'età del bambino. Piú il bambino è piccolo, piú sarà necessario anticipare l'orario della festa.
Ringrazio la mia amica Giulia per questo carinissimo Riassunto della festa
In aggiunta ai 10 punti del sito inglese vi aggiungo queste altre piccole ma efficaci raccomandazioni della Kids Animazione.
 Non limitatevi ad invitare pochi bambini, spesso tra malattie, influenze ed imprevisti ci sono molti assenti. Più bambini ci sono meglio è!
 Non spargete palloncini in mezzo alla sala, possono diventare un problema. Se serviranno durante i giochi, provvederemo noi a portarli.
 Evitate di portare qualunque gioco nella sala e cercate di eliminare più possibile i giochi che sono presenti, penseremo noi al resto.
 La disposizione della sala e del buffet, è fondamentale. Evitate di mettere il buffet in un'altra sala oltre a quella dove si svolgerà la festa. Infatti, durante la festa ci saranno dei momenti dove accompagneremo i bambini al buffet, ed averlo vicino sarà utilissimo. Inoltre le consigliamo di svolgere la festa in una sala unica.
Detto questo...BUON DIVERTIMENTO!